venerdì 13 marzo 2015

Creatività e dintorni 81 -Sebastião Salgado

Alcuni mi considerano un fotogiornalista. Non è vero. Altri, invece, un militante. Nemmeno questo è vero. La sola cosa vera è che la fotografia è la mia vita. Tutte le mie foto corrispondono a momenti che ho vissuto intensamente.

Queste immagini esistono perché la vita, la mia vita, mi ha condotto a farle. Perché c'è una rabbia in me che mi ha portato in un determinato posto. A volte a guidarmi è stata un'ideologia, a volte semplicemente la curiosità oppure la voglia di trovarmi là. La mia fotografia non è affatto obiettiva, è profondamente soggettiva. 

Come tutti i fotografi, scatto immagini in funzione di me stesso, di quello che mi passa per la testa, di ciò che sto vivendo e pensando. E me ne assumo la responsabilità.


(Dalla mia Terra alla Terra, Sebastião Salgado, Contrasto, 2014.)



Anni fa, quand'ero copywriter in JWT Milano, ho lavorato per Kodak Professional. Per uno degli annunci abbiamo avuto il privilegio di usare una splendida foto di Salgado, scattata ai pozzi di petrolio sabotati del Kuwait (Guerra del Golfo, 1991).





Un breve racconto della foto di Salgado è nel sito del the guardian.

mercoledì 17 dicembre 2014

Da leggere -E auguri di buone cose

Babbo Natale è arrivato in anticipo.

copywriter monza libri di copywriting
Come fare felice un copywriter a Natale.



















Ora vi lascio in compagnia di Marcello Serpa, già conosciuto in questo spettabile blog. Il pluri-premiato direttore creativo brasiliano ci intrattiene per una cinquantina di minuti con parole ed esempi di creatività che ispirano. (Dal Design Indaba 2014.)

E' il mio modo di augurarvi, cari lettori e amici, Buone Feste... e che il 2015 sia Glorioso!



venerdì 17 ottobre 2014

In pratica -Un enorme consiglio di Emanuele Pirella (per scrivere titoli)

D'accordo le formulette all'americana pronte all'uso. D'accordo le best practice dei social, gli status e i tweet, le keyword del seo e compagnia bella... D'accordo tutto. Però.

Però, leggete e praticate anche questo consiglio di Emanuele Pirella (che risponde a una domanda di Silvio Saffirio*).

In passato hai dichiarato che quando scrivi fai sempre riferimento a grandi autori della letteratura. E' ancora così?

Direi di sì. Quando si tratta di scrivere dei titoli. A mio avviso, ciascun prodotto ha un suo territorio linguistico di riferimento. Per ogni campagna pubblicitaria ricorro a un autore che mi sembra appropriato. Così anche oggi dico ai miei ragazzi di ispirarsi a Baudelaire per un profumo, per puro esempio, a Marinetti per un'auto, o a Bufalino per un vino siciliano.



*Gli anni ruggenti della pubblicità, Silvio Saffirio, Instar libri, 2010.


emanuele pirella pubblicità


emanuele pirella copywriting



Related Posts with Thumbnails